VAI IN GUERRA, UCCIDI E MUORI. Su Andrew Bannan e il Disturbo Post-Traumatico da Stress

5_fig002La parola trauma deriva dal greco τιτρώσκω, che significa danneggiare, perforare, ledere, con riferimento ad una ferita con lacerazione e agli effetti di un urto violento e doloroso sull’organismo. Inizialmente utilizzato dalla medicina chirurgica, il termine viene poi adottato dalla psichiatria e dalla psicologia clinica del XVIII secolo per descrivere quella condizione in cui un evento estremo e soverchiante rende l’individuo inerme e incapace di reazione, lede la capacità organizzativa e regolatoria dell’Io, che determina uno stato di impotenza. L’impatto e la dimensione di questo evento dipende dalle risorse individuali e dalle capacità di adattamento, rendendo la risposta al trauma strettamente soggettiva. Continua a leggere “VAI IN GUERRA, UCCIDI E MUORI. Su Andrew Bannan e il Disturbo Post-Traumatico da Stress”

Dalla strage di Utoya alla decapitazione dell’Eur. La sottile differenza fra criminalità e pazzia.

Qsbarreuesto interessante articolo è tratto dal sito Left.it e introduce la sottile sfumatura che distingue la criminalità e la follia. E’ un’interessante riflessione, non solo dal punto di vista psichiatrico, ma anche in un’ottica sociale.

Buona lettura, nella speranza che la prossima volta, davanti ad un nuovo fatto di cronaca, saremo tutti più attenti e meno banali.

Oltre il confine fra criminalità e pazzia di

http://www.left.it/2014/10/03/il-confine-criminalita-pazzia/17795/

L’immagine è tratta dal sito: http://ekbloggethi.blogspot.it/2007_12_01_archive.html

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: